Svincolo A20 Milazzo (Messina)
98057 Via Firenze
Tel.090 931824
Aperto tutti i giorni
da Lunedì a Domenica
dalle ore 9:00 alle 21:00
quad
09/08/2017

Mi fai volare - Magazine Parco Corolla

Condizionatore o ventilatore?
I consigli di Bruno per una “frescura” perfetta ed economica
 
I metodi dei nonni per combattere la calura estiva rimangono validi.
Prima di tutto è importante mantenere porte e finestre chiuse per non far entrare il calore esterno ed aprirle solamente la sera per rinfrescare l'ambiente.
Evitare di utilizzare forni e fornelli è un altro metodo per non surriscaldare troppo l'ambiente: d'estate è bene mangiare cibi e bevande fresche per abbassare la temperatura corporea.
Anche l’arredamento è importate.
Non utilizzate tappeti e copridivani che farebbero percepire una temperatura ancora più alta dell'ambiente.
Naturalmente all’epoca non esistevano condizionatori d’aria e ventilatori.
Infatti, oggi, basta entrare in uno store di elettronica e prodotti per la casa come Bruno, al Parco Corolla, per risolvere in pochi minuti il problema e godersi l’estate… al fresco. 
 
Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ogni dispositivo?
In quali casi è meglio comprare un ventilatore e in quali il condizionatore?
Il consumo di elettricità è uno dei fattori determinanti nella scelta tra un ventilatore o aria condizionata.
Poi c’è la rumorosità dell’impianto che potrebbe disturbare la quiete domestica nostra e dei vicini.
 
«La prima caratteristica da prendere in considerazione – spiegano gli esperti di Bruno - è la classe energetica dell’impianto che vogliamo acquistare che indica il rapporto tra l’energia consumata e l’energia resa da un climatizzatore tramite lettere dalla A alla G: la classe A indica che l'apparecchio, a parità di energia resa, ha consumi di funzionamento molto bassi rispetto alle altre classi.
Quindi il primo consiglio è quello di acquistare un condizionatore di classe A o A+ in modo che l’impianto sia efficiente e consumi poca energia».
Per stabilire il consumo del condizionatore è importante conoscere le caratteristiche della casa: metratura e disposizione delle varie stanze.
Il secondo consiglio è, una volta acquistato il condizionatore, è bene farlo installare in una stanza che non sia esposta al sole per troppe ore durante la giornata, perché si consumerebbe energia inutilmente nell’intento di raffreddare un ambiente di per sé caldo.
Rispetto all’aria condizionata, il ventilatore richiede molta meno energia per il suo corretto funzionamento e questo significa maggior risparmio sulla bolletta della luce.
Su ogni ventilatore è indicata la potenza istantanea massima assorbita, ad esempio 100 W: quindi per sapere quando consuma il dispositivo è sufficiente moltiplicare questo dato per il numero di ore in cui viene utilizzato.
Se manteniamo il ventilatore acceso per 5 ore, ad esempio, il consumo sarà di 500 W ovvero 0,5 kWh.
Un ventilatore da pavimento può arrivare ad assorbire fino a 100 W se impostato alla sua massima potenza i piccoli ventilatori da tavolo consumano tra i 10 e i 25 W poiché si tratta di un sistema di raffreddamento con una potenza molto bassa.
Naturalmente la qualità del raffreddamento tra condizionatore e ventilatore cambia notevolmente.
 


  Pinterest 
SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK
                              
MENU
Parco Commerciale Corolla - Via Firenze - 98057 Milazzo (Messina)
© Copyright Idea Service S.r.l. | P.IVA e C.F. 02951230834
Development by Semplinet
Design by TheSharkProject
Prova sinistra